<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=43543&amp;fmt=gif">

Verso l'Enterprise Cloud Nutanix con un semplice click

29/05/19 9.32 Posted by Angela Salgarelli - No Comments

Blog-Verso-l'enterprise-cloud-in-un-click-migrazione-delle-vm-su-ahv

Spesso molte aziende orientate all'innovazione e alle nuove metodologie vorrebbero intraprendere il viaggio verso l'Hybrid Cloud ma si trovano limitate dall'attuale stato tecnologico e dalla difficoltà a migrare applicazioni e VM su ambienti più moderni, per non parlare del rispetto dei requisiti di gestione, sicurezza e prestazioni. Scopriamo come è possibile accelerare il passaggio verso l'Enterprise Cloud con l'aiuto di specifiche tecnologie in grado di rendere più semplice la mobilità applicativa e l'interoperabilità tra gli ambienti Cloud.

Oggi i team IT aziendali scelgono l’infrastruttura su cui eseguire le applicazioni aziendali sulla base di fattori come costi, conformità normativa, prestazioni, disponibilità e livello di sicurezza offerto dalle opzioni disponibili.

Il focus dei team IT è composto quindi dagli applicativi: questi ultimi devono essere eseguiti sempre più spesso, in modo rapido ed efficiente, nell’infrastruttura economicamente più appropriata. Decisioni come il budget dedicato all’infrastruttura, e tipologia di ambiente, sono quindi basate per gran parte sulla prevedibilità del carico di lavoro, cioè sulla stima che le imprese fanno circa il volume di risorse che una determinata applicazione consumerà e per quanto tempo.

In quest’ottica, gran parte delle aziende al giorno d’oggi ritengono che l’Hybrid Cloud sia l’infrastruttura ideale, in quanto esso permette di:

  • Scegliere l'ambiente cloud adatto ad ogni applicazione in base a requisiti di servizio, costi e sicurezza.
  • Cambiare l'ambiente di runtime per un determinato carico di lavoro in qualsiasi momento, in base all'evoluzione dei requisiti applicativi e / o aziendali.
  • Evitare vendor lock-in. 

Spesso le barriere tecniche limitano però la mobilità delle applicazioni attraverso i cloud oggi, impedendo alle aziende di abbracciare appieno la flessibilità promessa delle tecnologie cloud ibride: Nutanix e VansonBourne nel report “Enterprise Cloud Index 2018 Edition” segnalano infatti che nonostante il 91% dei 2.300 IT Decision maker intervistati per la loro ricerca classifichi il cloud ibrido come modello di IT ideale, nel 2018 il livello di penetrazione del cloud ibrido è risultato essere relativamente basso (appena il 18%).

Come risolvere quindi questa problematica ampiamente diffusa?

Semplicità nella mobilità delle Applicazioni – la chiave per l’implementazione dell’Hybrid Cloud

Per implementare l’Hybrid Cloud, le aziende focalizzate sull’agilità associata alla trasformazione digitale, hanno bisogno di semplicità nella mobilità delle applicazioni e nell'interoperabilità tra gli ambienti cloud al fine di ottenere una maggiore flessibilità di abbinamento tra applicazioni e infrastruttura più appropriata, bilanciando quindi i requisiti di gestione, sicurezza e prestazioni.

La possibilità di spostare facilmente le applicazioni tra diversi ambienti Cloud consente inoltre ai team IT di gestire al meglio i costi dedicati all’infrastruttura.

Nutanix Move fa proprio questo, accelerando l'adozione di Nutanix Enterprise Cloud e fornendo servizi di mobilità delle applicazioni alle macchine virtuali. Nutanix Move automatizza i banali e ingombranti passaggi richiesti per migrare manualmente o ricostruire le VM su un ambiente Acropolis HyperVisor (AHV). Nutanix Move automatizza le migrazioni di VM "lift and shift" e configura le best practice necessarie per prestazioni di VM ottimali, risparmiando tempo e sforzi in modo significativo con un enorme risparmio di costi. 

www.nutanix.ingoimagesnutanix Move

Con questa soluzione, integrata in Nutanix, potrai beneficiare dei seguenti vantaggi:

SI_one-click-operation-all-insights SI_automatic-optimization SI_non-disruptive-testing SI_analytics

Migrazione semplice e con 1 click da ESX, Hyper-V  e AWS 

Eliminazione delle attività ripetitive manuali e soggette a errori

Nessuna interruzione dei servizi e controllo completo del cutover

Nessuna ulteriore licenza richiesta

New call-to-action  

Migrazione semplificata delle VM

 

L'adozione di nuove piattaforme infrastrutturali spesso richiede alle organizzazioni di migrare notevoli carichi di lavoro durante periodi ad elevato tasso di scadenze. Nutanix Move semplifica questo processo con le migrazioni di massa delle VM a livello di infrastruttura, rimuovendo gli attriti associati all'integrazione della nuova infrastruttura e consentendo alle aziende di sfruttare rapidamente tutto il potenziale di Nutanix Enterprise Cloud, con interruzioni quasi nulle delle VM o degli applicativi durante le migrazioni.

 Nutanix Move fornisce un controllo granulare basato su progetti attraverso un'interfaccia utente di facile utilizzo per migrazioni automatizzate dei carichi di lavoro, e prevede un semplice processo a tre fasi: 

1) Selezione della fonte

L'utente può specificare il cluster di origine da cui è necessario spostare le VM - Nutanix Move supporta sia ESX che Hyper-V * per il cloud privato, e AWS * per il cloud pubblico.

2) Definizione del piano di migrazione e “semina”

Una volta identificate le VM di origine e inserite un piano di migrazione. Le macchine virtuali vengono replicate attraverso un efficiente meccanismo di “semina” nel cluster Acropolis HyperVisor di destinazione.

3) Migrazione con tempi di inattività minimi

La replica non-disruptive delle VM tramite VADP di VMware garantisce una replica coerente ed efficiente. Indipendentemente dal fatto che le VM siano accese o spente, esse verranno mantenute aggiornate fino al momento del cutover. 

Grazie a questa soluzione, i reparti IT non avranno più problemi nel passaggio all’Hybrid Cloud, diventando tale migrazione, totalmente indolore.

 

Fonti:

https://www.nutanix.in/enterprise-cloud-index/

https://www.nutanix.in/products/move/

New call-to-action

hybridcloud, Nutanix, Cloud, iperconvergenza