<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=43543&amp;fmt=gif">

Data-driven Cloud

L’approccio Cloud Native detta le regole del gioco.
Maggiore Automazione, Scalabilità e Flessibilità per la tua infrastruttura IT. 

cncf-stacked-co
linux_logo
cloud

Cloud Native: Qual è il tuo Livello?

L’approccio Cloud Native permette di accelerare la trasformazione software-driven, crea agilità ed efficienza nello sviluppo e semplifica in modo efficace le IT operations.

Cloud Native Approch, a che livello è la tua azienda? Scoprilo con l’assessment.

Cloud adoption: i vantaggi

Fai emergere il potenziale
del tuo business

Il Cloud è il presente e il futuro delle attività digital. 

Kiratech ti aiuta creare e gestire un ambiente di lavoro nuovo e creativo, aperto ad ogni possibilità. 

Dal datacenter classico, la nostra visione è in continua evoluzione con l’Implementazione di Private, Public e Hybrid Cloud, l’Infrastructure as a Code e le Architetture a microservizi per lo sviluppo di soluzioni sempre più custom. 

Il Cloud Native Journey è per aziende Enterprise che hanno in corso o in progetto una modernizzazione infrastrutturale e applicativa e comporta diversi benefici: 

  • Semplifica e automatizza i processi di erogazione dell’infrastruttura (Infrastructure as a Code) 
  • Ottimizza il team infrastrutturale 
  • Crea una Blueprint personalizzata per l’adozione del Cloud 
  • Azzera i processi di manutenzione grazie all’automazione 
  • Ottimizza l’approvvigionamento delle risorse e abbatte i costi di gestione 
  • Integra la tua infrastruttura multi-cloud e dà visibilità dell’intero stack  
Tecnologie e toolchain

I NOSTRI CLOUD PARTNER

Grazie alle partnership con tutti i più importanti Cloud Provider siamo in grado di lavorare  
su ogni piattaforma  

Raggruppa 4565Raggruppa 4568Raggruppa 4561Raggruppa 4563Raggruppa 4566Raggruppa 4564Raggruppa 4560Raggruppa 4562MirantisMural

 

Free downloadable content

Guida all’approccio
Cloud native

Hybrid Cloud e l’approccio Cloud Native per lo sviluppo software si rivelano un binomio vincente in un contesto che richiede efficienza e versatilità. 
Da dove iniziare? 

CompositeLayer

La miglior squadra per i tuoi goal

Kiratech fa squadra con tutti i Cloud Provider, come Amazon AWS, Microsoft Azure e Google Cloud, ed è in grado di gestire le varie fasi dell’implementazione (adoption, migration, optimization) per aiutare le aziende a spostare parte del loro workload su questi servizi. 

goal_img1
Free downloadable content

Guida allo sviluppo
Cloud native

7 Regole per massimizzare i risultati della Cloud Native Application

CompositeLayer

Come implementare il Cloud

Azioni e Tool sono necessari per controllare ogni fase implementativa e arrivare all’obiettivo in modo efficiente.

  • Cloud Transformation  per abilitare il passaggio da infrastruttura tradizionale al Cloud 
  • Multi-Cloud adoption per eliminare il vendor lock-in, favorire la business continuity ed esigenze di dislocazione geografica di dispositivi 
  • Service Mesh  per mettere in sicurezza, monitorare e connettere tra loro i diversi servizi che compongono un’applicazione 
  • Any Kubernetes distribution per semplificare lo sviluppo applicativo attraverso le quattro principali distribuzioni Kubernetes (Red Hat OpenShift, Mirantis, VMware Tanzu, Rancher) 

Kiratech è Kubernetes Partner, Kubernetes Certified Service Provider e Certified Kubernetes Administrator.

Come ottenere il massimo
dal Cloud

Implementare il Cloud è il primo passo. Il secondo passo è liberare tutte le potenzialità in termini di efficienza e innovazione. 

Ti affianchiamo nell’implementare l’approccio Cloud Native, con gli strumenti e le metodologie più adatti al tuo business. Seguiamo tutto il ciclo di vita del tuo progetto con i nostri servizi.

Raggruppa 324

Servizi Professionali

Definiamo insieme
la tua strategia DevOps

msk

MSK

Servizio MSP cogestito
per monitoring e ticketing.

best_tool

Best Tool

Rivendita delle soluzioni
DevOps più innovative

Formazione_icon

Formazione

Prepara il tuo team
alla metodologia DevOps

FAQ

Quali sono le migliori strategie di migrazione su Cloud?

Vi sono diverse strategie per la migrazione sul Cloud.

Tra le principali possiamo trovare la “migrazione lift-and-shift”, che consente una migrazione rapida delle applicazioni su Cloud senza necessità di modifiche al codice, il Refactoring, che prevede delle modifiche al codice applicativo sfruttando soluzioni IaaS e PaaS, la riprogettazione applicativa, che vede un ridimensionamento e una modernizzazione applicativa volta ad un successivo sfruttamento della flessibilità e della flessibilità offerte dal Cloud, la ricompilazione dell’applicazione attraverso l’utilizzo di tecnologie Cloud Native, che consente di avere app più innovative che sfruttano metodologie e innovazioni tecnologiche di ultima generazione.

Kiratech è in grado di aiutare la tua azienda nella scelta della migliore strategia in base alla valutazione dell’ambiente attuale e agli obiettivi di sviluppo aziendale.

Ci sono dei prerequisiti da soddisfare per poter adottare il cloud?

Possiamo identificare quattro principali prerequisiti per una migrazione al Cloud:

1 - Il primo è il cambiamento della cultura aziendale, che prevede:

  • un arricchimento delle competenze dei team IT e di sicurezza al fine di supportare i carichi di lavoro nel cloud
  • l’adozione di approcci iterativi o agile
  • l’adozione della metodologia DevOps
  • la definizione di almeno un team dedicato alla strategia Cloud e di un Team più operativo di adozione dello stesso
  • una maggiore integrazione e collaborazione tra i responsabili IT e quelli di altre funzioni di business aziendale

2 - Il secondo è la definizione di un carico di lavoro iniziale, classificandone anche le priorità, da migrare entro i primi due o tre rilasci. In base alla strategia di migrazione prescelta, verranno gestite le eventuali modifiche al codice e all’infrastruttura.

3 - Il terzo è che lo spazio di destinazione (hosting allocato alla migrazione nel Cloud) che riceverà le risorse migrate soddisfi i requisiti minimi per ospitare il primo carico di lavoro da migrare. Di fondamentale importanza è anche il monitoraggio dei costi della piattaforma Cloud, affinché rispettino gli obiettivi strategici prefissati anche in termini economici.

4 - Il quarto è avere ben definita la mappatura applicativa, architetturale e di rete del proprio software in modo da intercettare eventuali vincoli dovuti ad interdipendenze che vanno analizzate prima della migrazione.

Anche in questo Kiratech, data l’esperienza più che decennale nel settore, è un partner in grado di affiancare la tua azienda nelle scelte strategiche e tecniche, sulla base dello status attuale della tua azienda per guidarla verso la Cloud Native Enterprise.

 
Ci sono rischi di Lock-in sul cloud provider e come eventualmente mitigarli?

La scelta riguardo le soluzioni da adottare messe a disposizione da parte del Cloud Provider deve tenere in considerazione l’aspetto del lock-in, ovvero scegliere una tecnologia proprietaria che non permette di migrare in un secondo momento il workload applicativo verso un’altra infrastruttura.

Scegliere i prodotti del Cloud Provider permette di accelerare il time-to-market, delega la progettazione, manutenzione ed evoluzione dell’infrastruttura e fornisce integrazioni con il billing, logging e monitoring della piattaforma cloud. Questa scelta strategica deve considerare tra i possibili rischi anche quello del lock-in nel caso in cui alcune condizioni inizialmente favorevoli nella scelta del cloud provider vengano meno nel corso degli anni (licensing, obsolescenza, solidità sul mercato del vendor, gap tecnologico del vendor rispetto all’ecosistema).

Kiratech può supportare la strategia di Cloud provider adoption analizzando le componenti infrastrutturali ed architetturali messe a disposizione individuando i rischi di lock-in e valutandoli attivando strategie di mitigazione del rischio scegliendo opportunamente i layer tecnologici su cui fare affidamento.

 
È meglio usare prodotti open source?

I prodotti open source permettono di essere analizzati più facilmente rispetto ad una black box. L’analisi riguarda anche eventuali rischi legati alla qualità del codice implementato, oppure alla disponibilità di accogliere feature o patching da parte di una community che ne collabora all’evoluzione secondo una roadmap condivisa.

I prodotti possono essere sviluppati spontaneamente da una community, oppure possono essere rilasciati da un vendor in un’ottica di strategia commerciale. Sarà l’ecosistema e quanto grip svilupperà il prodotto all’interno della community che ne decreterà la solidità e la validità a fini dell’adozione all’interno della propria realtà aziendale.

È necessario valutare inoltre qual è il supporto offerto relativamente ad un prodotto open source: nel caso in cui esso non sia presente da chi ha sviluppato il prodotto, sarà compito dell’azienda che lo adotta mantenerlo ed eventualmente correggere eventuali anomalie, portando skill molto forti e verticali all’interno del proprio IT. Esistono prodotti open source con supporto specifico del vendor, con modelli di licensing che possono variare in base al prodotto.

Esiste inoltre un sempre più crescente e complesso ecosistema di prodotti cloud native censiti da Cloud Native Computing Foundation che permette di monitorare lo stato di maturità dei prodotti, filtrarli per tipologia di licenza (open source o no) e di accedere al repository di codice e alle informazioni del vendor.

Kiratech è partner CNCF e Silver Member e può aiutare il cliente ad orientarsi nella scelta strategica dei prodotti che possono portare maggiori benefici al proprio business.